ABC Scuole

Il Presidente Zingaretti: “Ecco la nostra idea di scuola”

677
CONDIVIDI

Contenuto : “Gli anni della scuola sono quelli in cui si costruisce la coscienza civica degli individui e rappresentano, insieme, il momento decisivo per sviluppare un’identità collettiva. Sono anni fondamentali. La scuola è il posto in cui formiamo amicizie, sentimenti, dove impariamo ad avere uno sguardo sul mondo. Per questo è un vero delitto lasciare inaridire le nostre scuole: vanno ripensate come centri vivi, di cultura e socialità, come spazi aperti destinati all’incontro e alla formazione completa delle persone, prima ancora che alla costruzione di percorsi didattici. Laboratori in cui creare conoscenza, ma anche consapevolezza sociale e responsabilità etica. I racconti, scritti o per immagini, sono allora strumenti eccezionali per favorire questo processo di formazione. Per questo, la Regione Lazio ha scelto di accompagnare le attività delle scuole regionali con sei percorsi promossi attraverso il Progetto ABC Arte Bellezza Cultura. I ragazzi potranno esprimere e applicare i propri linguaggi attraverso l’uso della fotografia, della musica, dei video, utilizzando direttamente i social network; si confronteranno sul Bene e il Male nel destino incrociato di tre autori fondamentali come Moravia, Calvino, Sciascia mettendo a fuoco la conoscenza dell’animo umano; ascolteranno la viva voce dei loro coetanei di settant’anni fa attraverso le lettere scritte di proprio pugno e inviate ai famigliari poco prima di essere giustiziati negli anni della Resistenza, tra il ’43 e il ’44, e dopo aver combattuto per un’Italia libera e più giusta; si confronteranno infine con la testimonianza diretta di chi ha subito sulla propria pelle le ferite del terrorismo e incroceranno alcune tra le grandi narrazioni cinematografiche sulla nostra storia nazionale e sulla nostra società. Potranno così riflettere su importanti temi etici, politici e sociali grazie a rappresentazioni e incontri di grande impatto emotivo. Verranno insomma a contatto con quell’essenziale principio attivo che è la nostra memoria comune. Ciò che costituirà per loro un grande arricchimento oltre che un’esperienza coinvolgente e appassionante. Far germogliare la nostra cultura deve essere considerato come un servizio essenziale che le pubbliche amministrazioni hanno il dovere di garantire, specie ai giovani. E’ il migliore investimento che possiamo fare sul loro futuro e sul valore stesso della comunità di cui facciamo parte”.