Extra

Weekend per riscoprire la cultura

379
CONDIVIDI

Il 26 e 27 settembre torna European Heritage DaysGiornate Europee del Patrimonio 2020, l’appuntamento annuale con la cultura europea. Quest’anno il tema della manifestazione – promossa in Italia dal Mibact e a livello internazionale dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea – sarà ‘Patrimonio e Educazione’, con musei e luoghi di cultura come protagonisti.

Durante l’ultimo fine settimana di settembre i musei, i parchi archeologici e i luoghi della cultura italiani ospiteranno attività rivolte a tutti: laboratori per bambini e famiglie, percorsi di visita, approfondimenti sulle mostre. Nella giornata di sabato 26 settembre, è prevista una apertura serale dei siti che aderiscono con il biglietto d’ingresso al costo simbolico di 1 euro. A causa delle misure di sicurezza sanitaria la prenotazione è obbligatoria. Per il pubblico sarà un’occasione unica per accedere a migliaia di siti, attraverso visite gratuite, conoscere il proprio patrimonio culturale e partecipare alla sua salvaguardia.

L’obiettivo è accrescere la conoscenza e la condivisione del nostro patrimonio culturale, ponendo attenzione al ruolo centrale dell’esperienza culturale e della trasmissione delle conoscenze nella contemporaneità; ‘Imparare per la vita’ come recita lo slogan scelto dal Mibact, sulla scorta di quello proposto dal Consiglio d’Europa ‘Heritage and Education – Learning for Life’.

Alcuni siti italiani che hanno aderito alle Giornate Europee del Patrimonio 2020:

·       La Galleria Nazionale di Roma con due giorni di laboratori, percorsi, mostre, visite all’Archivio della Galleria e l’immancabile appuntamento serale al costo di 1 euro.

·       Il Museo Nazionale Romano partecipa con un calendario ricco di iniziative che si terranno in entrambe le giornate: visite guidate, attività didattiche. Per l’occasione propone inoltre l’apertura straordinaria di spazi attualmente chiusi al pubblico a causa dell’emergenza sanitaria. Sabato 26, Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, Crypta Balbi e Terme di Diocleziano resteranno aperti dalle ore 19,45 alle ore 22,30 al costo speciale di 1 euro.

·       La Reggia di Caserta con l’apertura straordinaria dell’Acquedotto carolino e del Torrione della Cascata nel Parco Reale. Il 26 settembre è inoltre prevista la visita serale degli Appartamenti Reali. Coerentemente agli obiettivi di sostenibilità dell’agenda 2030, la Reggia intende offrire esperienze sui temi dell’ambiente e dell’acqua, quali risorse da proteggere, e di sostegno agli ecosistemi naturali.

·       Bologna con tre appuntamenti: una passeggiata lungo i portici del centro storico e 2 visite gratuite a Palazzo Ancarano e Palazzo Dall’Armi, dove si potranno ammirare i locali affrescati da Guido Reni e dalla scuola dei Carracci.

·       Galleria nazionale dell’Umbria con quattro appuntamenti alla ricerca degli alberi genealogici. Gli incontri si concentreranno sulla conoscenza del passato e le sue declinazioni nel presente per costruire il futuro.

·       Anche l’associazione Italia Nostra, per la prima volta, prende parte alla manifestazione organizzando le visite in 10 siti culturali in tutto il Paese tra cui: l’antico Orto Botanico di Teramo; “Pescara nascosta”; l’antico Borgo di Damos (BL); Valle del Biferno (CB); sughereta di Villasmundo (SR).

Sul sito del Mibact è possibile trovare una lista dei luoghi aderenti alle Giornate Europee del Patrimonio per informazioni sugli eventi e prenotazioni.

CONDIVIDI