ABC Scuole

Al via “Cinema&Storia” 2019. A Cinecittà l’incontro con i docenti

147
CONDIVIDI

Torna nelle aule e nelle sale di Roma e del Lazio, anche per l’anno 2019, Cinema&Storia, il progetto promosso dalla Regione Lazio con Roma Capitale e finanziato dall’Unione EuropeaOvvero, la Storia d’Italia, e non solo quella italiana, attraverso il cinema e le sue immagini che ha già coinvolto centinaia di istituti e migliaia di studenti in un proficuo percorso.

Curata dal Progetto Scuola ABC Arte Bellezza Cultura e attuata da Zètema – Progetto Cultura, l’iniziativa ha già tenuto il suo primo incontro lo scorso 23 gennaio 2019 presso i Cinecittà Studios con una giornata dedicata esclusivamente ai docenti degli istituti superiori di Roma e del Lazio, imperniata essenzialmente sulla presentazione delle pellicole che saranno proiettate da febbraio a maggio e dei temi trattati, nel corso di un dialogo preparatorio e di approfondimento con gli insegnanti.

Per il 2019, Cinema&Storia ha selezionato altri tre titoli per una library destinata a crescere nel tempo, che arricchisce le scuole di Roma e del Lazio di film e altri materiali video: L’insulto di Ziad Doueiri, che nella giornata del 23 gennaio è stato illustrato nei suoi contenuti e nel suo significato dal teologo Vito Mancuso; Full Metal Jacket di Stanley Kubrick, introdotto da Giorgio Mariani, professore dell’Università La Sapienza di Roma, che ne ha spiegato la sua filosofia e ideologia, e Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmarck, introdotto ai docenti dal giornalista Federico Marconi, esperto di tecnologie, che ha illustrato ai docenti i rischi delle nuove frontiere digitali.

Ha coordinato il pomeriggio di lavoro la giornalista di Raitre Roberta Serdoz, mentre sono intervenuti Roberto Cicutto, Presidente e A. D. Istituto Luce Cinecittà, che ha ospitato l’incontro nella Sala Fellini ma anche partner dei Progetti Scuola ABC, e la regista Giuliana Gamba e il critico cinematografico Fabio Ferzetti per le Giornate degli Autori. Presenti, inoltre, Nicola Borrelli, Direttore Generale Cinema MiBac, Luciano Sovena, Presidente Roma Lazio Film Commission, Cristina Priarone, Direttore Generale Roma Lazio Film Commission, Giovanna Pugliese, Progetti Speciali Regione Lazio, Lucia Di Cicco, Coordinatrice Progetti Scuola ABC.

Ne sono scaturite quasi quattro ore di analisi a approfondimenti, al termine delle quali i tre relatori, sollecitati anche dalle puntualizzazioni e dalle argute curiosità di Roberta Serdoz, hanno risposto alle domande dei professori intervenuti suscitando così un appassionato dibattito con diversi punti di vista.

L’obiettivo di Cinema&Storia è quello di proporre agli studenti delle scuole superiori, accompagnati passo passo da volti noti dello spettacolo, esponenti della cultura e addetti ai lavori, un racconto del Novecento attraverso pellicole che hanno portato sul grande schermo la Storia con la S maiuscola oltre alle piccole storie quotidiane.  Si tratta, pertanto, di un “progetto in continuo movimento” che, forte di immagini di accurata documentazione, di poesia visionaria, di potente forza narrativa, ha fecondato l’immaginario e formato la coscienza civile di tutti noi, contribuendo all’approfondimento della materia e fornendo riflessioni e parole-chiave, analisi e strumenti di interpretazione, per capire meglio quello che siamo diventati oggi e che diventeremo domani, considerando ciò che eravamo ieri.

Quanto ai film: L’Insulto di Ziad Doueiri (2017), ovvero Beirut oggi. Una banale lite fra un cristiano libanese e un operaio palestinese degenera scatenando una battaglia senza esclusione di colpi in tribunale che rischia di risvegliare odi sepolti dai tempi della guerra civile. Premiato a Venezia 2017, un trascinante film processuale che riapre le mille piaghe del Medio Oriente e che in patria ha suscitato un putiferio.

Full Metal Jacket di Stanley Kubrick (1987) Il durissimo addestramento di un battaglione di giovani marines e poi il micidiale impatto con la guerra in Vietnam in uno dei più bei film antimilitaristi di tutti i tempi. Secco, geometrico, implacabile. Astratto come un teorema e devastante come il proiettile corazzato che gli dà il titolo. In memoria di uno dei registi più geniali del ’900, morto prematuramente nel 1999.

Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmarck (2006) L’incubo spionistico-totalitario della Germania Est in un film epocale. Protagonisti: un capitano della polizia segreta tradito dalle proprie emozioni. Uno scrittore amato a Est come a Ovest. E un’attrice fascinosa su cui posa lo sguardo (e non solo) il ministro. Lo spaccato perfetto di un paese scomparso. Ma anche una potente metafora del Potere. Di ogni potere. Ieri e oggi, a tutte le latitudini.

Si ringraziano inoltre Koch media, Lucky Red, Rai Cinema / 01 Distribution, Warner Bros. Entertainment Italia, CG Entertainment.

Cinema&Storia è promosso dalla Regione Lazio con Roma Capitale, nell’ambito del POR-FSE Lazio 2014 – 2020/Asse III – Istruzione e formazione/Obiettivo specifico 10.1. L’iniziativa è curata dal Progetto ABC Arte Bellezza Cultura con Roma Lazio Film Commission, Giornate degli Autori, Istituto Luce Cinecittà, e il sostegno della Direzione Generale Cinema del MiBAC.

CONDIVIDI