ABC Scuole

I vincitori di Cinema&Società

858
CONDIVIDI

La giuria della quarta edizione di CINEMA&SOCIETA’ – composta Fabio Ferzetti (critico cinematografico oltre che ideatore e curatore del Progetto 100+1. Cento film e un paese, l’Italia), Giovanna Pugliese (Coordinatrice del Progetto ABC), Giuliana Gamba (regista), Conchita Airoldi (Produttrice) e Steve Della Casa (critico cinematografico e conduttore radiofonico) – dopo attenta valutazione dei contributi pervenuti ha deliberato di assegnare i seguenti premi e menzioni:

Menzioni speciali:

– I LB del Liceo Statale J. Joyce di Ariccia per le recensioni e i racconti sul film ‘Io e Te’;

– alla III B e C dell’Istituto Magistrale L. Pietrobono di Alatri per i racconti e i fumetti sul disagio giovanile ispirati ai film ‘Io e te’ e ‘L’intervallo’.

3° Premio UNA SCATOLA DI LIBRI E DVD OFFERTI DALLA FANDANGO E DAL PROGETTO ABC e 40 biglietti cinematografici offerti da Anec-Agis Lazio

alle recensioni delle 3° e 4° classi del Liceo Democrito di Roma e particolarmente a quella di Alessandra Cipolloni de ‘La Grande Bellezza’. Le classi sono state coordinate dalle professoresse Antonella Di Ridolfo e Nadia Rigatuso.

L’insieme dei lavori dimostra una grande capacità degli studenti, ben preparati dai loro insegnanti, nel prendere spunto dal film visto per un approfondimento che spazia a tutto campo dentro i problemi più attuali della società contemporanea.

2° Premio UNA TELECAMERA DIGITALE OFFERTA DALL’ISTITUTO LUCE CINECITTA’

a “Vitae” della 3°A, del Liceo Artistico Augusto Righi di Cassino, coordinata dal professore Salvatore Senese, per l’originalità del racconto che dimostra una grande capacità da parte degli autori di assimilare i tanti contenuti del film ‘La grande bellezza’, privilegiando quel gioco sull’estetica che ha stimolato i ragazzi a riflessioni acute e condivisibili.

1° Premio UNA SMART TV SAMSUNG 40 POLLICI OFFERTA DAL PROGETTO ABC

a “Quale Strada Prendere” realizzato dalla 4° BT dell’Istituto Leonardo Pisano di Guidonia, coordinata dalla professoressa Loredana Dell’Aguzzi, per aver trattato alcuni tra i più “scomodi” argomenti tra quelli che gli adolescenti devono affrontare nella vita di tutti i giorni. I ragazzi sono stati capaci di proporre una narrazione originale e anche sentita e partecipata, al tempo stesso coinvolgente e indicativa di una riflessione profonda da parte degli autori.