WEGIL

“Storie dal Decamerone-Una guerra”. Il 5 sera al WeGil con Anna Foglietta

25
CONDIVIDI

 

Venerdì 5 Aprile presso il WEGIL di Roma  alle ore 21.00,  l’attrice Anna Foglietta, presidente della Onlus #everychildismychild porterà in scena, con un suggestivo accompagnamento musicale il monologo Storie dal Decamerone “Una guerra,” secondo capitolo di Storie dal Decamerone di Michele Santeramo, uno dei maggiori drammaturghi della scena contemporanea.

Una produzione originale fondazione Teatro della Toscana- Festival Edera 2018, il monologo è accompagnato dalla traccia musicale del violino di Francesco Mariozzi che scandisce i passaggi più intensi della performance.

“Nel testo è una madre a parlare; una madre in guerra che nella guerra ha perso il marito, ma non si è fermata. Dalla tragedia ha saputo venir fuori grazie ad una forza straordinaria., in fuga da un paese ridotto in frantumi, con i suoi due bambini alla ricerca di una possibilità in un posto sconosciuto”

 L’intento dell’adattamento drammaturgico di Michele Santeramo è chiaro: restituirci il ritratto del nostro Paese attraverso le voci di chi giunge da altre parti del mondo, alla ricerca di un mondo in cui vivere.

Lo spettacolo, che si inserisce all’interno della programmazione culturale del Wegil, è a ingresso libero su donazione, tutti gli introiti saranno devoluti alla Plaster School, la scuola cerotto al confine con la Siria che ospita 80 bambini dando loro non solo assistenza scolastica ma anche psicologica.

L’evento è stato selezionato attraverso un avviso pubblico dalla Regione Lazio ed è organizzato dalla A.C. Playtown Roma – Alice nella città insieme alla ONLUS Every Child is My Child. con il supporto di LAZIOcrea.

È possibile prenotarsi alla mail everychildismychild@gmail.com  oppure segreteriaalice@gmail.com

Storie dal Decamerone comprende quattro capitoli: Un amore, Una Guerra, Il Potere, il Caso e l’Invenzione. Ciascuna delle storie raccontate è una storia dell’oggi ed è una storia di malessere, di presa di coscienza di quel malessere, di quella propria personale “peste”, attraverso la quale i personaggi fanno il proprio percorso, convinti che ogni storia possa essere un faro e rappresentare una guarigione.

ANNA FOGLIETTA è una delle interpreti più affermate del cinema italiano ed è da oltre due anni impegnata sul tema dei diritti dei bambini. Nasce e cresce a Roma da una famiglia di origini napoletane; conseguita la maturità classica al Liceo Socrate, il suo esordio di attrice avviene nella serie televisiva di Rai 3 La squadra, nella quale ha interpretato dal 2005 al 2007 l’agente scelto Anna De Luca. Dal 2008 è entrata a far parte del cast della serie Distretto di polizia, dove ha interpretato il ruolo dell’ispettore Elena Argenti. Fra le sue esperienze cinematografiche va segnalata la partecipazione ai film 4-4-2 – Il gioco più bello del mondo (2006), Se chiudi gli occhi e Solo un padre, questi ultimi entrambi del 2008, e Feisbum – Il film (2009), Nessuno mi può giudicare con Paola Cortellesi, dove interpreta una escort, per il quale ha ricevuto una candidatura al David di Donatello e al Nastro d’argento. Ha anche recitato in diverse produzioni teatrali.

È stata la protagonista dei film Colpi di fulmine (ricevendo un’altra candidatura al Nastro d’argento), Mai Stati Uniti e Tutta Colpa di Freud. Nel 2013 ha presentato la serata di chiusura della Festa del Cinema di Roma. Nel 2015 ha recitato nel film Noi e la Giulia, per il quale riceve la seconda candidatura al David di Donatello. Nel 2016 è tra i protagonisti di Perfetti sconosciuti, film di Paolo Genovese, grazie al quale riceve la terza candidatura ai David di Donatello, la prima come miglior attrice protagonista. Nel 2016 è stata una delle testimoni di Trenta ore per la vita.

Nel 2018 è la protagonista del film Un giorno all’improvviso di Ciro d’Emilio, per cui viene nuovamente candidata come miglior attrice protagonista al premio David di Donatello.

CONDIVIDI