Evidenza

Un nuovo polo culturale regionale, il programma con i prossimi appuntamenti

114
CONDIVIDI

La Regione Lazio restituisce alla città di Roma lo Spazio Rossellini, all’interno dell’Istituto Cine-Tv Roberto Rossellini, dando nuova forma e destinazione agli studi in cui ha girato il grande regista grazie all’ATCL. Lo Spazio nasce con una vocazione per lo spettacolo dal vivo, l’alta formazione e la promozione degli artisti del territorio regionale.

Info utili
via della Vasca Navale 58 – Roma 
06 4542 6996
   info@spaziorossellini.it
   http://www.spaziorossellini.it

PROGRAMMAZIONE
Ottobre

6 ottobre DOMENICHE D’INCANTO
ore 16.30 Il giro della piazza
di e con Andrea Brunetto, Max Pederzoli, Alessio Pollutri
regia e drammaturgia Mario Gumina
compagnia Madame Rebiné
Una commedia circense divertente, spettacolare e coinvolgente. Un percorso ciclistico insidioso che negli anni ha visto lo sbocciare di atleti quali Bartali, Coppi e Pantani e che oggi vedrà in pista le promesse del ciclismo italiano. Chi sarà il vincitore? Andrea Brunello, il ciclista veloce e snello ma soprattutto bello o Tommaso, il ciclista dal grande naso? Per scoprirlo non resta che scendere in piazza e fare il tifo per il vostro preferito.

8 ottobre VISIONE D’ARTISTA
ore 21.00 ARTURO racconta BRACHETTI
Intervista frizzante tra vita e palcoscenico
di e con Arturo Brachetti
Arte e Brachetti. Produzione Spettacoli
Uno o centomila? L’uomo dai mille volti, che in un battito di ciglia (o forse due) è capace di trasformarsi in mille personaggi, si racconta in una serata speciale fatta di confidenze, ricordi e viaggi fantastici. Fregoli, Parigi e le luci della Tour Eiffel, Ugo Tognazzi, le ombre cinesi, la macchina da cucire della mamma, il Paradis Latin, e le mille fantasie di un ragazzo che voleva diventare regista o papa, prendono vita in un’intervista frizzante al confine tra vita privata e palcoscenico. Sarà come entrare nel dietro le quinte della vita di Arturo Brachetti, parlando dei suoi debutti, dei viaggi intorno al mondo, della vita quotidiana, delle “mille arti” in cui eccelle e altro ancora.

11 ottobre LAZIOinscena
ore 21.00 Shakespeare kills radio stars
a cura di Matuta Teatro
da W. Shakespeare
di Alessandro Balestrieri
con Alessandro Balestrieri, batteria Bernardino Balestrieri, basso Amedeo Morosillo, chitarra Mattia Balestrieri
Monologhi, dialoghi e canzoni mettono lo spettatore di fronte a qualcosa di difficilmente inquadrabile: una performance che va oltre il concerto, un non-concerto, un non-spettacolo, un ibrido nel quale perdersi lasciandosi guidare dalle parole e dai suoni. Inutile cercare il filo conduttore, voler sciogliere il nodo drammaturgico, capire la storia. La storia non c’è. Come in un concerto, ogni brano è una storia a sé. E il Bardo è la star, il leader del gruppo: voce, chitarra, basso, batteria. La band di Shakespeare che diventa Radio Star e sbaraglia la concorrenza con la forza della sua poesia.

13 ottobre DOMENICHE D’INCANTO
ore 16.30 Due Cuori e Una Sinapsi spettacolo di Circo Teatro e Clown
con Andrea Arena e Maria Elena Rubbino
compagnia Sbada Clown
Siete mai stati alla giusta distanza dalla realtà per poterci giocare? Questi due improbabili clown viaggiano qualche naso sopra la realtà o forse poco sotto, ma del resto che importa? Se mai vi fosse capitato di cantare a quattro mani, di danzare con una palla gigante o, spero di no, di incastrarvi in una valigetta fluttuante durante un focoso tango, allora sapreste di cosa stanno parlando. I nostri due piccoli e distinti Sbada Clown, in un susseguirsi di catastrofici imprevisti, egocentrici contenziosi e inadeguate destrezze, dimostreranno l’inconfutabile inaffidabilità delle sedie pieghevoli e l’esilarante mistero di una storia in cui la soluzione giusta non è giammai la più scontata!

dal 14 al 20 ottobre RESIDENZA ARTISTICA
ZENITH E NADIR
Una fiaba antica di terra e di cielo.
una produzione di BigUp Circo, che debutterà all’interno di Romaeuropa Festival nell’ambito della rassegna Kids + family.

15 ottobre FORMAZIONE
L’attore, l’acrobata, la macchina teatrale
Laboratorio per artisti di circo, teatro e danza sull’utilizzo delle macchine sceniche durante la creazione teatrale
a cura di BigUp Circo
Succede spesso che uno spettacolo sia sovraccarico di idee, di proposte, di piani che si sovrappongono. A seconda della proposta scenica che si decide di portare avanti, ci sono delle strategie, degli obblighi, delle accortezze di cui tenere conto, che si traducono in azioni fisiche, coreografie, tensioni sceniche.
A volte il protagonista principale di uno spettacolo è la storia che si vuole raccontare, a volte una persona fisica, o ancora una qualità di movimento, l’estetica creata dai costumi, dei pupazzi inanimati che prendono vita. Altre volte ancora sono i macchinari scenici che vengono mossi dagli attori ad essere i padroni incontrastati.
In questo laboratorio ci concentreremo proprio sul come creare un gioco teatrale con le macchine sceniche: come muoverle per dar loro vita, come sfruttare le possibilità fisiche del corpo per divenire un tutt’uno con i macchinari in questione.
Le macchine a disposizione sono quelle costruite dallo scenografo Fabio Pecchioli per lo spettacolo Zenith e Nadir: due grandi scale semoventi e una sfera utilizzabile sia a terra che come attrezzo di acrobatica aerea.

18 ottobre ore 21.00 LAZIOinscena
La vecchia memoria
testo e regia di Giacomo Sette
con Gloria Sapio e Maurizio Repetto
musiche e disegno luci Andrea Cauduro
assistente alla regia Eleonora Penna
una produzione Settimo Cielo
dedicato a Bea e Renato
Della storica Compagnia D’Origlia Palmi fondata dagli attori Bianca ed Emmanuel nel 1921 – e che finì la sua carriera nel piccolo teatro di Borgo Santo Spirito al Vaticano dove trascinò se stessa e quel che rimaneva di un passato glorioso – non resta che il bagliore di un ricordo. Eppure Bianca ed Emanuel ebbero un ruolo fondamentale nello sviluppo delle avanguardie romane che si nutrirono della loro recitazione di altri tempi e del loro trovarobato polveroso. In questo lavoro, la dimensione artistica di D’Origlia Palmi e la loro fede profonda nel teatro come unico possibile orizzonte dell’esistenza, assumono valenza metafisica. La “fine” dei due grandi attori simbolo di una forma “perduta” di teatro e teatralità è tutta giocata sull’estro dei due interpreti attuali, sulla loro personale ricerca e sulla rivisitazione del sogno ad opera di un giovane promettente drammaturgo.

22 ottobre Open day Municipio VIII
ore 18.00
Lo Spazio Rossellini incontra il territorio.
Sarà presente il Presidente del Municipio VIII Amedeo Ciaccheri

24 ottobre FORMAZIONE
ore 18.00 Realtà Virtuale: un nuovo linguaggio narrativo
Incontro a cura di Gold Production

dal 24 al 27 ottobre CONTEMPORANEO _VISIONE ESCLUSIVA
ore 21.00 Rough copy di The Italian Baba | La mia grotta in india: un viaggio alla ricerca di se stessi
tratto da A Piedi Nudi sulla Terra di Folco Terzani
voce narrate Elio Germano
regia Omar Rashid, Elio Germano
produzione Gold
Con The Italian Baba, vediamo ancora una volta come la realtà virtuale possa essere lo strumento che ci permette di assaporare e vedere luoghi con i nostri occhi e allo stesso tempo con gli occhi di qualcuno che non siamo noi. Un viaggio a 360° che parla di vite vissute e ancora da esplorare.
La ricerca personale che riguarda la vita di ognuno di noi e il viaggio che si intraprende per trovare le risposte alle nostre domande.

27 ottobre VISIONE D’ARTISTA
ore 20.00 Incontro con gli autori
partecipano Elio Germano e Omar Rashid

CONDIVIDI