ABC Scuole

Zingaretti conclude i progetti Cinema&Storia e Cinema&Società

803
CONDIVIDI

“E’ uno dei progetti più belli, con ragazzi e ragazze del Lazio che hanno studiato la storia grazie al cinema d’Autore italiano. Fu un’intuizione felice quando ero in Provincia, quella di chiedere al cinema d’Autore di accompagnare la formazione storica dei ragazzi della nostra regione, perché è importante conoscere il dato storico, ma è ancora più importante capire perché qualcosa è avvenuto. Si tratta di un modo concreto di essere vicino alla scuola italiana, non con pacche sulle spalle ma con investimenti, sull’edilizia scolastica, ma anche per quello che possiamo fare noi sull’aiuto alla formazione”.

 

Così si  è espresso il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, intervenendo alla cerimonia conclusiva dei progetti Cinema&Storia e Cinema&Società, due delle sei iniziative per le scuole, promossi dalla Regione Lazio attraverso il Progetto ABC Arte Bellezza Cultura, che si è svolto oggi lunedì 11 maggio all’Auditorium Parco della Musica a Roma, aggiungendo: “ Quelli per le scuole sono progetti che riscuotono molto successo, sono un modello formativo ed educativo che dovrebbe essere esportato in tutta Italia perché rappresenta la pratica di una buona scuola”.

Nella Sala Petrassi si sono riuniti oltre cinquecento studenti delle scuole di Roma e del Lazio che hanno aderito ai due progetti insieme, tra gli altri, a Nicola Zingaretti e all’assessore capitolino alla scuola Paolo Masini, e al direttore generale del MiBact Nicola Borrelli. “Abbiamo annunciato venerdì un fondo regionale per gli istituti tecnici per modernizzare i laboratori – ha aggiunto Zingaretti – oggi continuiamo con il sostegno alla cultura. Credo che una delle cose più belle, a chiusura di un ciclo, sarà il 26 maggio quando chiuderemo un altro ciclo di percorsi extra curriculari con l’evento di chiusura del progetto Il terrorismo raccontato ai ragazzi”. “E’ un modo moderno e intelligente – ha concluso – per una regione per essere vicina a una generazione che ha pagato tanti errori commessi da chi li ha preceduti e che non si meritano di pagare i costi della crisi”.

 

All’iniziativa è intervenuta anche l’attrice Sabrina Ferilli che, intervistata dal critico cinematografico Fabio Ferzetti, ha spronato i ragazzi “a leggere, studiare e formarsi continuamente, perché prima era più facile capire chi seguire e cosa fare, oggi le strade sono molte e solo impegnandosi, credendoci e sapendo più di tanti altri si può emergere”. Poi è stata la volta dell’attrice comica Paola Minaccioni che si è esibita in uno sketch con Lillo Petrolo e poi Luca Angeletti che con Edoardo Pesce ha dato vita a un duo sulle note di Lella. Tra gli altri, hanno preso la parola anche Luciano Sovena, Presidente della Roma Lazio Film Commission, che ha annunciato che “i lavori dei ragazzi verranno portati al Festival del Cinema di Venezia e fatti vedere in un apposito spazio”, e Roberto Cicutto, A.d. dell’Istituto Luce Cinecittà che ha definito l’iniziativa sul cinema storico e contemporaneo con le scuole una doppia “scommessa vincente”.

 

Leggi la cronaca su: Repubblica.it