ABC Scuole Cinema&Società

“Progetti per le scuole ABC”. 18, Sala Umberto: Moravia, Calvino, Sciascia

1016
CONDIVIDI

Quinto appuntamento con i “Progetti per le scuole” promossi dalla Regione Lazio attraverso il Progetto ABC Arte Bellezza Cultura. Mercoledì 18 marzo, con inizio alle ore 10 alla Sala Umberto di via della Mercede 50 a Roma, è di turno la letteratura. O meglio, Il Bene e il Male in Moravia, Calvino, Sciascia. Cosa accomuna e unisce questi tre scrittori in apparenza tanto diversi tra loro? L’indagine con gli studenti ha luogo a partire dalla conoscenza di tre titoli che hanno fatto la storia della letteratura italiana del Novecento: Agostino di Moravia (edito nel 1942), Il Visconte dimezzato di Calvino (1952), Il giorno della Civetta, primo libro sulla realtà della mafia, pubblicato da Sciascia nel 1961. Tre libri libri che, se messi a confronto con le diverse motivazioni e strategie letterarie dei loro autori, ci parlano di una rappresentazione complessa del Bene e del Male che passa attraverso i meccanismi del diventare adulti, della piena realizzazione dell’individuo, della lotta per la legalità.

 

Gli studenti leggono i libri a scuola, gli analizzano e discutono insieme agli insegnanti e poi si confrontano in incontri pubblici con scrittori e autori di nuova generazioni che di Moravia, Calvino e Scascia potrebbero essere in qualche modo i fratelli più piccoli, quasi i figli. Per l’occasione del 18 marzo gli studenti delle scuole che hanno aderito al progetto (complessivamente 39 scuole, 64 classi, 1.180 studenti di Roma e del territorio regionale) parleranno con lo scrittore Marco Lodoli e ascolteranno passi dai tre libri selezionati, letti dalla viva voce del giovane attore Filippo Scicchitano.

 

L’obiettivo dei “Progetti per le scuole” è avvicinare e rendere familiare ai ragazzi “il gioco della letteratura”, scatenare il cortocircuito tra vita e rappresentazione, esperienza quotidiana e riflessione, divertimento e impegno. Si tratta di scrittori che con la loro prolifica produzione letteraria e il loro ruolo pubblico ci hanno lasciato un patrimonio insostituibile per capire da dove veniamo.

 

L’iniziativa è promossa dalla Regione Lazio attraverso il Progetto ABC Arte Bellezza Cultura, nell’ambito di “Fuoriclasse” – Idee e Progetti per una scuola protagonista, in collaborazione con Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università della Regione Lazio, Roma Capitale e Associazione Fondo Alberto Moravia. Convinto sostenitore dei “Progetti per le scuole” targati ABC, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che li ha fortemente voluti, sostiene infatti che “gli anni della scuola sono quelli in cui si costruisce la coscienza critica degli individui e rappresentano, insieme, il momento decisivo per sviluppare un’identità collettiva. I racconti, scritti o per immagini, sono allora strumenti eccezionali per favorire questo processo di formazione”.

 

Quanto a Moravia, Calvino, Sciascia e alla letteratura in genere, della narrazione il Bene e il Male, così come l’Inferno e il Paradiso, sono un ingrediente essenziale, quasi il perno, un impasto inestricabile. Come lo sono la comicità e la tragedia, la felicità e il dolore. Specie nelle vicende neorealistiche del “popolo romano” per come gli studenti hanno imparato a conoscerle e apprezzarle nell’edizione dei “Progetti per le scuole” lo scorso anno tramite i Racconti di Moravia e la conoscenza dei luoghi in cui lo scrittore romano ha vissuto e frequentato.

 

I “Progetti per le scuole” s’articolano in sei filoni di approfondimento che hanno per oggetto oltre a Il Bene e il Male. Moravia, Calvino, Sciascia, scrittori dai destini intrecciati tra differenze e somiglianze; Resistenza in lettere, ideali, dolore, passione negli ultimi scritti inviati ai famigliari dai ragazzi che tra il ’43 e il ‘44 venivano condannati a morte. Progetti originali che vanno ad aggiungersi ai più sperimentati Cinema&Storia e Cinema&Società – al vertice del gradimento di studenti e insegnanti – con Il terrorismo raccontato ai ragazzi e il più nuovo Racconti in movimento. Immagini, suoni e social.

 

Storia, società, letteratura, forme della comunicazione, dell’espressione e della narrazione artistica sono elementi portanti di questi progetti, visti attraverso il cinema, i libri, le lettere, la fotografia, la musica e il web.

 

Gli incontri finora svoltisi: Racconti in movimento (23 e 24 febbraio, Sala Umberto – Roma); Cinema&Società (3 marzo, Sala Petrassi Auditorium Parco della Musica – Roma), Cinema&Storia (9 marzo, Cinema Moderno – Rieti), Il terrorismo raccontato ai ragazzi (11 marzo, Aula Pacis – Cassino).

 

Leggi la Repubblica.it (edizione del 18 marzo 2015)