Luoghi Civita di Bagnoregio

“Save Civita”, ecco il testo dell’Appello e i nomi dei primissimi firmatari

838
CONDIVIDI

“Salvare Civita di Bagnoregio e la Valle dei Calanchi” Le città nascono, vivono, muoiono. Ma, a differenza di tanti piccoli analoghi centri, Civita di Bagnoregio è rimasta impermeabile al moderno e alla civiltà industriale. Sola. A difendersi dall’assalto delle calamità naturali e dei suoi agenti, pioggia e vento che dilavano le argille, screpolano il tufo, corrodono giorno dopo giorno il suo perimetro mettendola a repentaglio. Metafora dell’immaginario, città invisibile, essenza dell’urbanità – civitas – racchiude e riassume in sé e nel suo destino la storia dell’umano agire.

Meglio conosciuta come “la città che muore”, per lo spopolamento e per il precario equilibrio della rupe su cui poggia e dalla quale si eleva, Civita, al centro del suggestivo scenario della Valle dei Calanchi, tra la valle del Tevere e il lago di Bolsena, all’incrocio di Umbria, Toscana e Lazio, cui appartiene, sollecita ogni giorno al mondo intero l’interrogativo del suo destino e del rapporto che noi stessi abbiamo con la natura e la cultura dei luoghi, del territorio e della sua memoria, se non se ne ha cura. Civita quale metafora di un territorio nazionale che necessita di continua manutenzione.

Per paradosso sempre uguale a se stessa, Civita vive in perenne contrasto tra antico e moderno, laddove quest’ultimo la sfiora senza mai veramente conoscerla, protetta da un prolungato quanto splendido isolamento, occultata tra le balze e i boschi dell’alto viterbese. In costante altalena tra istinto di morte e distruzione, tra cause naturali e azione dell’uomo. Ed è in questo “gioco delle parti” che il paesaggio in evoluzione della Valle dei Calanchi evoca in sé il motivo antico della creazione e della dissoluzione.

Quali primi firmatari di questo appello chiediamo con forza di sottrarre Civita di Bagnoregio al suo non-ineluttabile destino e tutelare il suo meraviglioso paesaggio. Il tempo stringe e si rende sempre più urgente agire: in tre soli mesi, da dicembre a marzo, si sono susseguite tre frane, tre smottamenti consistenti della roccia che sorregge l’antico Borgo d’origine etrusca.

Agire subito, per far entrare Civita in una dimensione eterna e operare per la sua salvaguardia e recupero. Per restituirgli anima e anime, fare della sua apparente immaterialità un’accezione culturale quale bene ambientale di inestimabile valore da proteggere e rilanciare. Con rinnovate prospettive culturali, paesaggistiche, sociali, economiche. Tanto più nell’anno dell’Expo, dedicata ai valori della terra su un tema decisivo quale è Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita.

Borgo per eccellenza, per noi difendere Civita vuol dire difendere i borghi italiani. Non solo il passato, la memoria. Soprattutto il suo e loro futuro”.

 

1 NICOLA ZINGARETTI

2 GIORGIO NAPOLITANO

3 PIERO ANGELA

4 FRANCESCO BIGIOTTI

5 BERNARDO BERTOLUCCI

6 ACHILLE BONITO OLIVA

7 ILARIA BORLETTI BUITONI

8 MARIO BOTTA

9 BRUNO BOZZETTO

10 MASSIMO CACCIARI

11 ANDREA CAMILLERI

12 MILENA CANONERO

13 ANDREA CARANDINI

14 DON LUIGI CIOTTI

15 PAOLO CREPET

16 UMBERTO ECO

17 BARBARA ENSOLI

18 OSCAR FARINETTI

19 DANTE FERRETTI

20 ROSARIO FIORELLO

21 JANNIS KOUNELLIS

22 GIANNI LETTA

23 FRANCESCA LO SCHIAVO

24 VALERIO MAGRELLI

25 MANFREDO MANFREDI

26 FIORELLA MANNOIA

27 DACIA MARAINI

28 ALESSANDRO MICHELE

29 GIULIANO MONTALDO

30 ENNIO MORRICONE

31 MIMMO PALADINO

32 NICOLA PIOVANI

33 MICHELANGELO PISTOLETTO

34 DANILO REA

35 EUGENIO SCALFARI

36 ETTORE SCOLA

37 FOLCO TERZANI

38 GIUSEPPE TORNATORE

39 OLIVIERO TOSCANI

40 MARIO TOZZI

41 UMBERTO VERONESI